Robert Capa – Retrospective

Il più grande fotoreporter del mondo attraverso 97 immagini in bianco e nero che ripercorrono i maggiori conflitti del XX secolo a cui si affianca una sezione dedicata ai Ritratti di Gary Cooper, Ernest Hemingway, Ingrid Bergman, Pablo Picasso, Henri Matisse, Truman Capote, John Huston, William Faulkner e molti altri. Fino al 22 gennaio 2018 il Museo Civico di Bassano del Grappa ospita, in collaborazione con Magnum Photos, la Casa dei Tre Oci e Manfrotto, la mostra Robert Capa Retrospective, dedicata, in occasione delle celebrazioni dei 70 anni dalla fondazione di Magnum Photos, alla figura di spicco del fotogiornalismo del XX secolo. La rassegna, …

Henri Cartier-Bresson, 140 scatti in mostra a San Gimignano

140 scatti di Henri Cartier-Bresson, in mostra alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Raffaele De Grada” di San Gimignano fino al 15 ottobre 2017, per immergerci nel mondo del grande maestro,  per scoprire il carico di ricchezza di ogni sua immagine, testimonianza di un uomo consapevole, dal lucido pensiero, verso la realtà storica e sociologica. Per Cartier-Bresson la tecnica rappresenta solo un mezzo che non deve prevaricare e sconvolgere l’esperienza iniziale, reale momento in cui si decide il significato e la qualità di un’opera. Per me, la macchina fotografica è come un block notes, uno strumento a supporto dell’intuito e …

MAGNUM LIFE a Cremona

La più famosa rivista americana Life e la celebre agenzia fotografica Magnum Photos; due straordinarie storie vengono accostate assieme in una mostra che riunisce fotografie di Eve Arnold, Werner Bischof, Bruno Barbey, Cornell Capa, Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, Bruce Davidson, Elliott Erwitt, Ernst Haas, Philippe Halsman, Inge Morath e Dennis Stock.
 La mostra di Cremona si focalizza sul rapporto fra queste due realtà, per analizzare come reportage fotografici, riferiti ad avvenimenti storici del ventesimo secolo, vennero pubblicati all’interno di questa rivista. Life con i suoi contenuti editoriali, ma soprattutto grazie al ruolo affidato alla fotografia, contribuì a creare un’identità e …

Josef Koudelka – Shooting Holy Land

Prague Photographer Questo era il nomignolo con cui veniva chiamato un ignaro Josef Koudelka all’inizio della sua carriera, fotografo di Praga. Durante la primavera di Praga del 1968 quando i soldati russi invasero la città cecoslovacca un giovane Koudelka consegnava i rullini che testimoniavano i fatti accaduti ad uno sconosciuto. Grazie a vari passamani questi rullini finiscono sulla scrivania di Elliot Erwitt, allora a capo della agenzia Magnum che ne cura gli sviluppi, le stampe e la pubblicazione sul The Sunday Times in maniera anonima, contrassegnate solo dalle iniziali P.P. (Prague Photographer) per timori di rappresaglie contro di lui e la famiglia. Nel …